Crea sito
Articoli Videogiochi 1

28 anni schiavo dei videogiochi

schiavo videogiochi

Prima o poi arriva un giorno in cui ti guardi alle spalle cercando di capire quello che hai fatto fin’ora e, incominciando a sentirti un pò vecchio, pensi : l’alcol che una volta stava giù, ora torna su; tiri incazzato nero un pugno ad un mobile e ti fratturi una costola; trovi conforto nelle babbucce o nella doppia coperta la notte; guardi bambini pensando : “Dovrei farne anche io uno”. Anni fa invece trangugiavi vodka liscia allungata con alcol denaturato a torso nudo nel periodo natalizio sotto la neve in un parcheggio di un supermercato mentre picchiavi un Babbo Natale davanti ad un gruppo di bambini piangenti urlando a squarcia gola: “TU NON ESISTI BASTARDO!!!”.

morto natale

O almeno era quello che pensavi di dire, in realtà dalla tua bocca uscivano solo parole confuse, insensate, prive di qualsiasi significato umano ma con un che di mistico e di esotico.
Guardi la strada che le tue gambe hanno percorso e affrontato scegliendo bivi talvolta sbagliati talvolta esatti; le donne sono arrivate, se ne sono andate, sono tornate e si sono ricordate perché se ne erano andate. Ma in mezzo a tutto quel gran chiasso risplende ancora oggi una scintilla che, illuminando il tuo cammino incerto, ti spinge a seguirla con costanza . Ti ha tenuto compagnia nei vari momenti di solitudine, probabilmente auto imposta, perché tu ti fidavi ciecamente di quella piccola flebile scintilla e preferivi seguirla piuttosto che abbandonarla per percorrere una via ignota senza compagni. Quella è la scintilla del videgiocatore: ognuno ha la sua scintilla. C’è quella di colui che ha paura della difficoltà del modo esterno, paura di non riuscire a diventare qualcuno nella vita, ma che al contempo lo rende schiavo di questa vita tanto bella quanto finta, tanto divertente quanto triste. C’è anche quella del videogiocatore più comune, che viene utilizzata solo quando ci si annoia e non si ha nulla da fare. Quella del competitivo, che lo spinge a migliorarsi come giocatore d’assalto…

Anche se questo discorso sembra preso da una lezione di catechismo, la domanda che voglio porvi è la seguente: Che tipo di scintilla avete? L’avete mai persa e poi ritrovata o è stata una costante per tutta la vostra vita di duri/dure Gamers? Siete ancora intenzionati a seguirla?

Se qualche bambino al di sotto dei 5 anni è riuscito a leggere fino qua, mi scuso per lo spoiler di Babbo Natale.

JacKHiCKs

Potrebbe interessarti

Uncharted 4: Notizie sulla Patch

Uncharted 4: Notizie sulla Patch

A quanto pare chi è entrato in possesso della sua adorata copia di Uncharted 4, riferisce che i ...

1 Comment

  • Alessandro
    1 anno ago

    Penso che la mia scintilla sia più un rifugio. Un modo per distaccarsi dal mondo ed essere qualcuno migliore. Vivere avventure che fantastiche e sentirmi parte di qualcosa.